ponte pietra verona
DESTINAZIONI Italia

Verona e dintorni: 6 ottimi motivi per organizzare un weekend

Non abbiamo mai nascosto il nostro amore smisurato per Verona, che rimane secondo noi uno dei luoghi più incredibili in Veneto.

È conosciuta in tutto il mondo come “la città dell’amore”, grazie alla coppia shakespeariana di Romeo e Giulietta, ma oltre a questo cliché Verona è  un gioiello del nord-est italiano sinonimo di tradizioni culturali che racchiude dentro e fuori i confini cittadini moltissimi spunti e luoghi per trascorrere qualche giorno di esperienze incredibili. 

Solamente in città il ventaglio storico è decisamente notevole, non a caso il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco per il suo incredibile mix di architetture di varie epoche che convivono perfettamente.

Se poi ci spostiamo nelle zone attorno a Verona si apre un mondo per gli amanti del vino, della storia, dei piccoli borghi o della montagna.

Quando attraverso il progetto “Amazing Verona” ci hanno chiesto di raccontarvi come vivere alcuni giorni esperienziali nel territorio, volevamo spaziare tra un lista infinita di motivi. Ma poi abbiamo deciso di scremare un po’ la lista e il risultato è questa guida nella quale vi daremo 6 validissimi spunti per organizzare quanto prima un weekend a Verona e dintorni.

centro storico verona

1. Salire a Castel San Pietro

Cominciamo dal nostro luogo preferito di Verona. Per salire a Castel San Pietro avete due possibilità: utilizzare la funicolare o le vostre gambe.

Noi vi consigliamo vivamente di godervi la salita gradino per gradino perché man mano che si procede, la città si rivela sempre di più negli scorci tra le case che incorniciano la scalinata. La pietra e gli alberi sono protagonisti.

Una volta arrivati in cima lo spettacolo toglie il fiato: Verona si estende a perdita d’occhio. La visione della città attraversata dall’Adige è perfetta per scattare una foto memorabile, ma anche per sedersi semplicemente sul cornicione della terrazza e godervi il privilegio di questa vista pazzesca.

vista castel san pietro verona

2. Respirare la vitalità di Piazza delle Erbe

Piazza delle Erbe, oltre ad essere la piazza più antica della città, qualche anno fa è stata eletta anche la piazza più amata in Italia. La sua architettura la rende un luogo veramente pittoresco, sede del mercato dove la maggior parte dei veronesi e dei turisti amano addentrarsi ogni mattina. È stata per molti secoli il centro della vita economica, sociale e religiosa di Verona, e lo è ancora senza alcun dubbio. 

Per assaporarla in ogni sua sfumatura fermatevi in uno dei locali che la circondano, prendete posto su un tavolino e ordinate uno spritz accompagnato da qualche assaggio del famoso Monte Veronese, il formaggio di Verona per eccellenza.

piazza delle erbe verona

3. Mangiare con gli occhi il centro storico di Verona

Dopo aver carburato cominciate a girovagare tra le vie attorno alla piazza che si estendono per tutto il centro storico. Vi imbatterete con estrema facilità tra strade pittoresche e piazze bellissime come la celebre Piazza dei Signori (conosciuta anche come Piazza Dante). Visto che ci siete fermatevi alla Trattoria Impero e ordinate una Pizza Giulietta (provata e approvata).

Proseguite passando davanti alle Arche Scaligere e continuate a camminare fino al Ponte di Pietra, poi voltatevi e tornate ad ammirare la maestosa Arena di Verona, tappa obbligatoria anche per noi che a Verona ci siamo stati innumerevoli volte. Ah, e se cercate un po’ di fortuna dirigetevi alla Casa di Giulietta e toccate il seno della statua nel cortile (un cliché intramontabile per i turisti). Non garantiamo che funzioni, però mai dire mai.

arche scaligere verona

verona centro

centro storico verona

4. Degustare in Valpolicella e a Soave

Conosciute in tutto il mondo come zone per la produzione di alcuni dei vini più eccellenti di tutta la nostra penisola, sono una tappa immancabile una volta usciti dai confini cittadini.

L’esperienza si vive già dai meravigliosi paesaggi che si aprono come un libro fotografico guidando da Verona verso le cantine della zona.

Con i ragazzi di “Amazing Verona” abbiamo fatto sosta presso la cantina Roccolo Grassi.

Se visitare una cantina può sicuramente risultare piuttosto simile qualunque essa sia, è l’esperienza di chi la gestisce che fa emergere la vera anima del vino prodotto.

In questo caso non possiamo che consigliarvi la stessa nostra scelta. I racconti, la storia e la passione nelle parole di chi ci ha guidato per qualche ora attraverso questa cantina ci ha illuminato sul duro lavoro e sulla delicatezza delle scelte gestionali che bisogna affrontare in questo settore.

Vi assicuriamo che dopo la visita, quando finalmente seduti comodamente attorno ad un tavolo si degustano vini da lode, con il senno di poi vengono compresi molto più a fondo e degustati con criterio.

cantina roccolo grassi

cantina roccolo grassi

5. Il Castello di Soave per un tuffo nel Medioevo

Soave è già di per se un paese con un fascino storico tipico italiano, scolpito nel tempo e mai cambiato. Ma il castello che lo sovrasta ruba la scena in tutta la sua maestosità.

È un castello molto famoso, a soli 40 minuti di guida da Verona, che ha segnato la storia non solo di Soave ma anche di tutta la provincia.

Quello spirito Medievale imponente e massiccio che si percepisce avvicinandosi alle mura del castello, si respira a pieni polmoni anche all’interno.

Il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di salire fino alla torre più alta (eventualmente affrontando le vertigini), non solo per la vista a 360°, ma anche per capire da che altezza venivano lanciati i prigionieri in epoca medievale. Un po’ inquietante ma fa sicuramente un certo effetto.

Prima o dopo la visita, soprattutto se capitate in orario pranzo, scegliete di fermarvi alla Locanda ai Capitelli. 

castello di soave

castello di soave verona

castello di soave

6. L’inaspettata bellezza della Lessinia

La Lessinia è stata l’ultima tappa del nostro tour durato 3 giorni, prova del fatto che tutto ciò che avete letto su questo articolo è possibile farlo in questo arco di tempo.

Ci perdonerete se abbiamo scritto ‘inaspettata’, ma per noi è stato sinceramente così. Non conoscevamo la Lessinia, questa zona delle Prealpi Venete che ci ha accolto durante una delle più belle golden hour viste negli ultimi mesi.

Questa terra è amata dai veronesi per la ricchezza di trekking estivi e percorsi invernali per ciaspolate memorabili (se le nevicate sono abbondanti si può anche sciare). Credeteci sulla parola se vi diciamo di non aver mai mangiato così tanto formaggio nell’arco di 24 ore.

A partire da Malga Vazzo dove oltre al formaggio producono anche un gelato a dir poco favoloso e conosciutissimo, fino alla cena dell’Hotel Lessinia dove abbiamo alloggiato per una notte, il formaggio è stato protagonista. Ci ha rubato il cuore quasi più dei panorami talmente incredibili che a tratti ricordano l’Irlanda. Peccato non aver mai preso in considerazione prima la Lessinia.

allevamento di pecore lessinia

lessinia

Per essere del tutto onesti con voi questi sono solo alcuni spunti per trascorrere qualche giorno sul territorio veronese. La verità è che c’è davvero molto di più (proviamo a pensare solamente alla bellezza del Lago di Garda), tanto che volendo una settimana non basterebbe per esplorare gli highlights dell’intera provincia.

Ma intanto noi ci fermiamo qui, sperando di avervi dato abbastanza informazioni e spunti per considerare Verona come prossima meta per un weekend dal sapore squisitamente italiano.

Write a comment